Finestre “intelligenti”


windowrain

Le “smart tecnologies” fanno sempre più parte della nostra quotidianità.

Smart-phones, Smart-TV, Smart-glasses, Smart-watches.

L’aggettivo ‘smart’ di solito si riferisce a oggetti che sono interattivi, si connettono a Internet e riescono a compiere azioni autonomamente. In questo senso questo oggetti vengono reputati ‘smart’, ossia “intelligenti”: sono in grado di cogliere degli input, applicare dell’intelligenza come se avessero un cervello, e produrre delle azioni.

Una collaborazione tra ricercatori in Cina e Stati Uniti ha portato allo sviluppo di “smart windows”: finestre che sarebbero in grado di generare energia in maniera autonoma sfruttando le diverse condizioni atmosferiche che si presentano di volta in volta.

In che modo? La chiave in questo caso sta nell’utilizzo di ‘nanogeneratori triboelettrici’ per catturare l’energia. Dietro questi due termini che sembrano astrusi per i non addetti ai lavori c’è in realtà un fenomeno che tutti abbiamo sperimentato nella quotidianità: a chi non è capitato di avvertire l’effetto elettrostatico sfilandosi un maglione o una felpa?

Si tratta appunto di convertire energia meccanica in elettricità sfruttando lo sfregamento di materiali diversi, come accade strofinando una penna a sfera su un paio di jeans.

Continua a leggere


Condividi!

Le soluzioni delle auto Mercedes per la sicurezza alla guida


mercedes_460

Mercedes ha partecipato all’ultima Disruptive Week 2014 tenutasi a fine aprile, una serie di manifestazioni milanesi dedicata ai temi dell’Internet of Things e sul modo in cui la tecnologia può concretamente migliorare la nostra vita.

Infatti, se in passato il mondo automotive si è concentrato principalmente sul miglioramento delle prestazioni dei veicoli, negli ultimi anni il settore si  è impegnato soprattutto nella ricerca di nuove soluzioni tecnologiche da installare a bordo delle auto, per rendere le automobili sempre più confortevoli e connesse.

In quell’occasione Mercedes ha presentato 5 soluzioni importanti.

Allergy-friendly. Le automobili Mercedes vengono costruite con materiali (inserti, pulsanti, tasti) testati per le allergie da contatto. La casa automobilistica è infatti l’unico brand che può vantare la certificazione come Marchio di Qualità dal Centro Europeo per la Ricerca sulle Allergie (ECARF, European Centre for Allergy Research Foundation). Non solo: un team di ricerca per la qualità dell’aria nell’abitacolo lavora costantemente per garantire che i materiali utilizzati risultino piacevoli anche all’olfatto.

Attention assist. È un sistema che registra e analizza i movimenti dello sterzo del guidatore creandone un profilo personalizzato e in base a questo è in grado di rilevare anomalie nella guida che possono denotare sonnolenza o disattenzione. Ai primi sintomi di stanchezza il sistema avverte il guidatore con segnali ottici e acustici, che lo invitano a fare una pausa. Il livello di attenzione del guidatore è costantemente monitorato e reso visibile sul display nell’abitacolo tramite un grafico a barre colorato in cinque livelli. Quando scatta l’allarme, sul display appare una tazza di caffè e viene emesso un segnale acustico. Il sistema rimane attivo nell’intervallo di velocità dai 60 ai 200 km/h ed è possibile comunque impostare un livello personalizzato di sensibilità della strumentazione, regolandone a piacimento la soglia.

Attention_Assist

Abbiamo già parlato di questo sistema in un articolo precedente: anche Mercedes si adeguerà all’implementazione di questo dispositivo in grado di effettuare automaticamente una chiamata ai soccorsi in caso di incidente grave.

Continua a leggere


Condividi!

29 giugno 2015  |  Tecnologia  |  Nessun commento

Primati italiani in sostenibilità: la panchina “intelligente” e la bike a energia solare


panchina

L’Italia, si sa, primeggia nel settore Design. Quando il Made In Italy si sposa anche con la sostenibilità e si crea qualcosa di inedito, il primato è ancora più meritato.

È italiana infatti la prima “panchina intelligente”. È dotata di prese elettriche e Wi-Fi e di un sistema di SOS attivo H24. Inoltre, un sensore per la pioggia che disattiva la corrente dalla panchina lasciando attivo solo il sistema di emergenza, il cui servizio è gestito da una centrale operativa H24 con comunicazioni vocali bidirezionali. Per questo, la panchina offre una sicurezza a tutto tondo, pensata anche per gli imprevisti: è anti-vandalo e anti-furto.

Questa panchina “smart” si inserisce in un generale ripensamento degli spazi pubblici. Come spiegano dal Politecnico di Milano dove è stata brevettata da un team di ingegneri: “La panchina, elemento classico dell’arredo urbano, diventa tecnologica per rispondere a nuove esigenze e si trasforma in seduta multifunzionale”.

Non solo, è anche una panchina ecosostenibile in quanto realizzata con materiali compositi derivanti dall’aeronautica: PVC espanso rivestito di tessuti in fibra di carbonio impregnati di resina epossidica. La superficie è in tessuto di fibre di carbonio albuminizzato e il corpo centrale è in carbonio a vista. Materiali che rendono la panchina sottile ma nello stesso tempo resistente e leggera e facile da installare proprio per la sua leggerezza.

La panchina è anche rintracciabile al buio! I suoi profili infatti sono trattati con una resina capace di assorbire la luce del sole per restituirla di notte rendendola così visibile.

Continua a leggere


Condividi!

25 maggio 2015  |  Ecologia e Risparmio, Tecnologia  |  Nessun commento

“Solar Sharing”: l’energia diventa social


solar_460

Condividiamo contenuti sul web (social network), spazi di lavoro (coworking), posti letto (house sharing), posti macchina (car sharing), posti a tavola (social eating)… Oggi perfino condividere l’energia solare è realtà!

Si chiama “solar sharing” ed è un’idea della startup Yeloha Inc., con sede a Boston, in Massachusetts.

Non tutti riescono a installare pannelli fotovoltaici sul proprio tetto di casa, ad esempio per motivi economici, vincolo paesaggistici o limiti condominiali. Ma se il sole si potesse condividere grazie a chi non ha questi vincoli? Da qui l’idea di Yeloha. Il claim del sito ufficiale è infatti “Shine together”!

C’è chi lo ha chiamato “l’Aribnb dell’industria solare” (http://www.inc.com/david-whitford/built-from-passion-yeloha.html)… Ma come funziona?

Si può scegliere se diventare “sun host”, ospitando i pannelli solari che vengono installati gratuitamente, o “sun partner”, cittadini associati che possono acquistare dagli host l’energia con una notevole riduzione dei costi delle bollette elettriche per tutti.

Oltre all’installazione completamente gratuita dell’impianto, gli host possono avere anche uno sconto sulla bolletta grazie ad un credito del 25-30% dell’energia prodotta.

Si crea così un “Solar Sharing Network”, una community di condivisione di energia solare tra cittadini, un mercato tra pari.

Continua a leggere


Condividi!

11 maggio 2015  |  Ecologia e Risparmio, Tecnologia  |  Nessun commento

Bitcoin: la prima moneta virtuale


bitcoin_460

È il momento d’oro del Bitcoin: la moneta virtuale ha recentemente superato il valore di 1000 dollari.

Ma di cosa stiamo parlando? Bitcoin è un sistema di pagamento dove la moneta di scambio è digitale ed è costituita appunto dai Bitcoin.

La sua storia è un po’ già leggenda: comincia nel 2008 quando viene pubblicato un documento tecnico firmato da ‘Satoshi Nakamoto’ (uno pseudonimo), dove si descrive nei dettagli quale funzionamento e quali caratteristiche avrebbero avuto i Bitcoin. L’anno successivo viene distribuita la prima versione del software che avrebbe creato questo sistema di interscambio monetario. Il protocollo e il software Bitcoin sono rilasciati in modalità open source e quindi qualsiasi sviluppatore nel mondo può revisionare il codice o creare la propria versione modificata.

Già in passato, negli ambienti hacker e cypherpunk, era emersa l’idea di una nuova forma di denaro virtuale, gestito senza alcuna autorità centrale. Nessuno infatti possiede la rete Bitcoin, ma essa è controllata da tutti gli utenti Bitcoin in giro per il mondo.

I Bitcoin nascono quindi per permettere agli utenti di trasferire pagamenti in maniera sicura grazie a Internet e senza doversi affidare a un intermediario. Si tratta della prima rete decentralizzata di pagamento peer-to-peer.

Continua a leggere


Condividi!

13 aprile 2015  |  News, Tecnologia  |  Nessun commento

Apple Car, non solo rumors. Cosa ne pensano le case automobilistiche?


applecar_460

A poche settimane dal lancio dell’iWatch, l’ultimo visionario prodotto di casa Apple, si affollano i rumors su un progetto ancora più sorprendente che aprirebbe nuove ‘strade’ (letteralmente) al potente marchio della Mela.

La notizia di una possibile “Apple Car” rimbalza da una testata all’altra, raccogliendo dettagli, impressioni e opinioni: tra le ultime indiscrezioni si parla anche di un coinvolgimento di BMW come partner tecnico per lo sviluppo.

Mentre continua la caccia alla news più fresca sull’argomento, CarWow ha concepito un’ipotesi grafica di come potrebbe essere la prima vettura Apple, immaginandola come una coupé.

Apple-car-immaginata-da-carwow_07

 

Continua a leggere


Condividi!

6 aprile 2015  |  Curiosità, News, Tecnologia  |  Nessun commento

Novità dal Salone di Ginevra 2015


Ginevra_460 Il Salone di Ginevra, giunto alla sua 85^ edizione, non ha mancato di riservare anche per quest’anno emozionanti novità per gli appassionati delle quattro ruote. Ad esempio, per quanto riguarda Suv e Crossover i dati parlano chiaro: in Italia le vendite sono cresciute del +5,3% (il 20% del mercato mondiale nel 2014). Per questo, non sono mancate novità riguardanti le auto rialzate da terra.

Degne di nota sono state la Q7 e-tron quattro di Audi, esempio di ibrido diesel ed elettrico che consente di raggiungere una potenza combinata di 373 cavalli e un’autonomia in modalità elettrica di 56 Km. Un esemplare unico è poi la Jeep Renegade Hard Steel, nata dalla collaborazione di Jeep, Mopar e del Centro Stile FCA, per il suo carrello uguale al posteriore e contenente gli altoparlanti audio e per questo definito “entertainment station”. L’impianto ha suonato in anteprima proprio alla manifestazione elvetica. 2015-jeep-renegade-steel-3

Continua a leggere


Condividi!

30 marzo 2015  |  News, Tecnologia  |  Nessun commento
preventivo assicurazione auto preventivo assicurazioni moto preventivo assicurazione altri veicoli