Design e motori: non solo auto


design-motori-pegeut

 

Auto, ma non solo. I grandi marchi del volante sfruttano creatività e capacità d’innovare per metter sul mercato prodotti “non auto” di altissimo livello.
Al primo posto, Mercedes-Benz: dai suoi artigiani, nasce difatti una collezione di accessori per occhi, oggetti d’arredamento, prodotti per la vita quotidiana e  persino , una collezione di valigie e corredo in cuoio. E, per chi non riesce a separarsi dal Web, nessun problema i creatori di accessori della casa tedesca offrono l’InCar Hotspot.
Ma passiamo dalla Germania alla Francia, Il team di Peugeot sfrutta i 200 anni di attività industriale per offrire merce di qualità in diversi settori.
Parole d’ordine sono” strategie decise”, “brand di livello” e “capacità di penetrazione del mercato”. Ecco allora che dalla collaborazione dii esperti europei, di Parigi, Asia, , Shangai, ed America Meridionale,  nasce una nuova gamma di biciclette, divisa in due modelli di riferimento,la  eDL 122 elettrica ed Onyx, entrambe recentemente presentate in uno Stand del marchio transalpino. Meno sportivo ma altrettanto elegante, il pianoforte, dove le regole di Peugeot Design Lab vengono trasportate nel mondo della musica (in alto in un’immagine di Christian_Parreira).

I due concetti, dinamicità e raffinatezza, tipici della casa francese, vengono fusi e potenziati in Onix (si scrive con la y o con la i? Ma da quanto letto prima…non era una bcicletta?), che altro non è che un miglioramento futurista del classico scooter con tre ruote per assicurare più stabilità e dominio della strada…. la nuova via per la mobilità urbana del futuro.

Simile, ma più high-tech, il monopattino, dotato di supporto per il collegamento del cellulare
Completano l’offerta, i pezzi storici, meno legati alla strada ma più alla casa, come ad esempio il macina caffè, il macinapepe e il trita sale.
Citroen risponde ai rivali entrando nel mondo dell’arredamento di classe.
I suoi creativi hanno infatti da poco presentato al Salone del Mobile di Milano uno speciale divano la cui  struttura, i materiali e le lavorazioni sono pensate per dare un’ idea di forza dinamica. La forma è quella di una carrozzeria in sospensione, che suggerisce equilibrio e velocità controllata. Questa  idea si riflette anche nei materiali impiegati: la ghisa e l’acciaio danno potenza e stabilità, mentre la trama ( DS lavorata a guilloché, con profilo e fascia dello stesso colore) parla di cura ed amore per chi lo utilizza. Il tutto esaltato da una manifattura elegante, geometrica e semplice allo stesso momento.
Non può mancare all’appello la Volkswagen.
L’azienda teutonica mette sul tavolo una serie molto varia di accessori pensati secondo la propria anima di qualità popolare: i colori accattivanti, le forme lineari, l’aspetto a volte giocoso nascondono un lavoro di adattamento al cliente ed un metodo di creazione di prima qualità. Ecco allora i prodotti della Collezione up!,  oggetti comuni, come orologi o tazze, nati da materiali all’avanguardia ed idee non convenzionali. O anche quelli della Collezione Pelletteria: modernità e design originale al servizio della classe e dell’eleganza. Distinzione ma senza fronzoli!
Se, complice la crisi, sono i marchi stranieri ha fare la parte del leone, gli italiani non vogliono tirarsi indietroE’ il caso di Bertone che, unendo la propria professionalità a quella di Augusta Wetland, ha ideato Project Zero, veivolo  ecocompatibile a decollo verticale.
Infatti, zal Salone Internazionale dell’Aeronautica di Le Bourget sono state poste domande sulla mobilità del futuro, ponendo all’attenzione punti come il rispetto dell’ambiente e l’eleganza del design. La risposta della casa tricolore è stata affidata ad una squadra di ricercatori, guidati dal designer Mike Robinson e da James Wang, Vice President R&D di Agusta Westland. Il loro Project Zero è un’ala gigante, la cui potenza deriva da due rotori ad alimentazione elettrica. In fase di decollo, il veivolo si comporta come un elicottero, a decollo verticale mentre quandosi raggiunge la quota desiderata, l’assetto cambia,  i rotori girano di 90 gradi e permetteno a Project Zero  di agire come un areo tradizionale. Questa brutale manifestazione di potenza è addolcito da un’esteriorità tipicamente italiana: il rivestimento di Project Zero è dominato dal bianco e rosso, colori che rimandano all’epoca d’oro del design motoristico nazionale.

 

 

photocredit: christian_parreira

Condividi!

20 agosto 2013  |  News, Tecnologia  |  ,


I Commenti sono chiusi.

preventivo assicurazione auto preventivo assicurazioni moto preventivo assicurazione altri veicoli